EVOCAZIONE AKEPHALOS

Un tardivo sottoprodotto della mia ultima conferenza: un'interessante evocazione di Akhephalos, Genio/Demone protettore, recitata in greco antico. Il gruppo di papiri a cui appartiene spazia dal II secolo a.C. al V secolo d.C. e sono denominati PGM (Papyri Graecae Magicae). 


Lo scriba dichiara di chiamarsi Mosè e di essere profeta di Akephalos, che gli ha trasmesso i suoi misteri celebrati da Israele. Dichiara anche di essere il messaggero del faraone Osor-Onnofris (Osiride Unnefer) e di conoscere il vero nome di Akephalos che è stato trasmesso ai profeti di Israele. Indubbiamente una notevole commistione di religioni e di cultualità, in una fase di disgregazione e reimpiego delle ultime memorie sacre egizie.

Ho avuto la fortuna di trovare nel "Demonology Project 2kBCE" la recitazione in greco antico e di avere sottomano la traduzione del testo sul libro: "The Greek Magical Papyri in Translation". Così ho potuto abbinare le due cose.