El bagawat - la basilica

El-Bagawat è una necropoli cristiana afferente ad un’antica città nell’oasi egiziana di el-Khārga. È considerata la più antica dell’Egitto. Le tombe sono costituite da una camera terminante in cupola e da un’abside. Tra le cappelle mortuarie disseminate sulla collina vi è anche una chiesa paleocristiana (4°-6° sec. d.C) ecco qui sotto la ricostruzione virtuale delle sue navate.
Com'è realmente oggi:
Al centro della necropoli si alza una chiesa sepolcrale, attribuita al V sec., con la classica forma copta chiusa, a tre navate con gallerie e senza abside. Essa è insolitamente circondata da un periptero di colonne murate, in origine probabilmente portanti un tetto, in modo da formare un nartece-ambulacro.

El Bagawat

[necropoli cristiana di un centro popoloso nell'Oasi di Kharga]

El Baghawat. - è la necropoli dell'antica città di Kharga, nell'oasi el-Kharga nel Deserto Libico, di una certa importanza perché situata sulla pista carovaniera fra Assiout ed il Sudan. La parte archeologicamente nota e probabilmente più importante della necropoli comprende più di 260 mausolei sparsi su un tratto del deserto che misura circa 500 m in direzione NS e circa 200 in direzione EO. Questa parte pare sia stata ininterrottamente in uso dal I al VI o VII sec. d. C., ciò che corrisponde al fiorire della cittadina nel periodo romano e bizantino. Il cristianesimo a Kharga trova documentazione a partire dal III sec., mentre nel millennio dal IV al XIV sec. la città fu sede di un vescovato copto.

Una delle caratteristiche più interessanti della necropoli sta nel fatto che nei primi secoli della sua esistenza essa fu utilizzata simultaneamente da cristiani e non-cristiani. Né architettonicamente né per ciò che concerne il tipo di sepoltura si può distingnere un sepolcro dall'altro. Solo le iscrizioni e le pitture indicano se un mausoleo è di origine pagana o cristiana. Certamente, qualche edificio fu anche usato prima da segnaci dell'uno, poi da seguaci dell'altro credo.

 

Questo stato di cose corrisponde probabilmente a ciò che si verificava anche altrove nel mondo paleocristiano, per esempio a Roma, risolvendo il dubbio di dove venivano sepolti i cristiani prima della creazione, intorno al 200 e nel corso del III sec., di cimiteri esclusivamente cristiani.

altre immagini del sito