FARAFRA

ossia:

l’incanto SRAORDINARIO del Deserto Bianco

(con affetto, in memoria della nostra cara amica, compagna di viaggio  e di conferenze, Elena Rasmini)

…poco distante un fuoco gagliardo ruggisce nel buio, i volti affilati e scuri dei drivers beduini si animano ai barbagli della fiamma, mentre con un solo tamburo, il battito delle mani e le loro voci, danno vita alla notte del deserto… occhi scuri e intensi scintillano alla luce del falò…
 
Un momento dopo la cena: beduini accanto al fuoco…    il pulsare ritmico e quasi ipnotico delle loro nenie ripetitive ci culla, mentre il mistero insondabile del deserto circostante affonda nella tenebra.  

Il sole è ormai scomparso da tempo, dietro gli intricati profili dei candidi rilievi di gesso corrosi dal vento… un’aria fredda e tagliente filtra tra le tele rosse e verdi dispiegate fra i tre cruyser: le auto sono state sistemate vicine per creare una barriera ed un focolare accogliente per noi viaggiatori… le tende sono pronte, ma lo spettacolo incredibile delle miriadi di stelle, numerose come i granelli di sabbia sotto i nostri piedi, tiene incollato il nostro sguardo al cielo, mentre i nostri corpi rilassati si abbandonano, distesi sui morbidi tappeti al riparo dal freddo.  

Qualcuno si attarda ancora a scaldarsi le mani accanto al “forno” costituito da un fusto vuoto di petrolio affondato fino all’orlo nella sabbia: sul fondo scintillano vivaci le braci che hanno cotto il capretto per la nostra cena…

Mentre vago senza meta nella tenebra attorno al campo, ben infagottato nel mio tecnologico giubbotto soft-shell, con in mano una di quelle economiche lampade a diodo, ascolto la sabbia scricchiolare e sospirare sotto ai miei piedi, mentre le stelle, basse nel firmamento, sembrano così vicine da potersi toccare.

Il “forno” usato dai beduini per la cottura della carne

Fermo allora i miei passi, con la mente vuota ed il cuore ricolmo: e penso che desidererei fermare queste intense emozioni, e portarle per sempre con me. 

    La mia mano, nella tasca, afferra e stringe un piccolo grumo di roccia scura, l’ho raccolto prima del calar del sole: si tratta di una delle famose “rose del deserto”, ma non quelle che si vedono spesso nei musei e nelle pubblicità (formate di leggere lame color salmone affollate ortogonalmente attorno ad un nucleo): queste sono minuscole raggiere di luce nera, formate da scaglie piccole e cure, come squame di pesce, grosse di spessore e tormentate nella forma. 

Rosa “nera” del deserto

 L’ho raccolta proprio perché la fantasia è colpita e stranita dal vedere la sabbia chiara punteggiata di queste formazioni nerissime… sembra quasi che la natura abbia seminato con mano regolare e paziente tutto il deserto di queste gemme geometriche.

Ma come siamo finiti qui?  Dove siamo? 

 

Siamo da qualche parte nell’area dell’oasi di Farafra, più precisamente sulla strada che da Farafra porta a Bahareya, nel cuore di una zona incedibile e stupefacente chiamata “Deserto Bianco”. Il nostro viaggio con Raed ci ha portato a visitare le principali oasi occidentali dell’Egitto: le sette oasi citate nei testi sacri incisi sulle pareti del tempio di Edfu. Ma torniamo al Deserto Bianco: spesso le guide beduine organizzano tour, gite a dorso di cammello o sui cruyser,  e campi di 1, 2 o 3 giorni tra le affascinanti formazioni di questo strano posto, unico nel suo genere. Si tratta di un deserto di sabbia grigia, chiarissima, dal quale affiorano banchi, tumuli, colonne, enormi massi fatti prevalentemente di affioramenti carbonatici (calcare marnoso e gesso). L’erosione degli agenti atmosferici, (nel cretacico anche dall’acqua, ma ora soprattutto del vento) ha sagomato in modo artistico e imprevedibile questi blocchi nivei, ed il loro candore abbacinante crea, nella radiosa luce del sole, uno scenario fantastico davanti agli occhi attoniti dei viaggiatori. Ma se lo spettacolo è intenso e meraviglioso di giorno, non vi sono parole sufficienti a descrivere la maestosità, la meraviglia, l’emozionante esperienza che questo deserto può dare nella luce del tramonto e dell’alba… nessuno di noi è rimasto indenne dal turbamento profondo indotto da questi scenari alieni: i sensi ammaliati comunicano direttamente al cuore queste emozioni, questi incanti, e nel cuore stesso il tutto decanta in un sentimento delicato e struggente, silenzioso e potente allo stesso tempo.. un sentimento che si scolpisce in modo indelebile tra le pieghe dell’anima.

Nel seguito di questa prima parte del diario di viaggio, ho deciso di lasciare che le immagini raccontino da sole, e soltanto alla fine riprenderò la descrizione.

Appena arrivati: mentre i drivers preparano il campo, i viaggiatori non possono fare a meno di metter mano agli apparecchi fotografici…(Antonella è quella distesa ventre a terra…)

Sono convinto che non avrei la minima possibilità di esprimere a parole quello che il deserto ci ha fatto provare.

Queste poche foto, ridotte di dimensioni, sono appena un vago cenno, un misero tributo alla reale maestosità dello spettacolo che ci ha accolto e accompagnato nei due giorni che abbiamo passato, ospiti incantati, tra le meravigliose formazioni di questo splendido e unico “White Desert”.

Un momento di gioia nella luce del tramonto, siamo immersi nella natura, e gli istinti esplodono…

Un ricordo della nostra cara amica Elena (la minuscola figura a destra) mentre vaga nei dintorni del campo, nelle ultime luci della sera.

Forme ardite, di un candore niveo..

Un "fungo" ed un "uccellino", la natura crea...

Punto di ritrovo per cammelli e turisti, poco distante dall’inizio della pista per il deserto bianco...

un panorama mozzafiato fa da sfondo  alla partenza dei dromedari...

...  e arriva la sera... tramonto tra le concrezioni: non  servono commenti…

Un momento di pausa....

Un’alba emozionante… Khepri, lo scarabeo solare, sorge all’orizzonte !

L'alba, fuori dalla tenda...

passeggiata "mistica" in mezzo alle formazioni candide

Ed, ora esaurita la forza delle immagini, ritorno a dare qualche cenno agli eventi che abbiamo vissuto… ed alla fine qualche notizia più tecnica.

L' INIZIO:  Dopo un arrivo movimentato, segnato dal nuvolone di polvere sollevato dalle jeep sulle piste del deserto, siamo scesi muovendo i primi passi incerti… poi siamo rimasti immobili: i nostri occhi erano ammaliati, affascinati dalla meravigliosa grandiosità di questa distesa di concrezioni bianche che si perdeva all’orizzonte ! Le guide intanto montavano le tende, creavano lo spazio confortevole per la cena, scavavano nella sabbia il pozzo per infilarvi il “forno”, stendevano i tappeti e montavano i bassi tavolini bedw sui quali si usa mangiare nei camp.

Fino alle ultime ore del tramonto, ormai vicino, erano poche le parole scambiate, e la magia dello scenario mozzafiato ci teneva vigili e attoniti, prigionieri della magia del silenzio… ciascuno camminava da solo, saziando lo sguardo con l’infinità dell’orizzonte, respirando l’aria fresca della sera, inciampando negli affioramenti calcarei e gessosi, raccogliendo frammenti scuri di inferno: piccoli grumi neri tormentati a ricordo perenne della visita.

La discesa del disco solare: miriadi di scatti, un turbinio di foto, all’ultimo istante, cercavano di catturare questa magia, di fermare nei chip e sulla pellicola i colori, le forme e le atmosfere incredibili del luogo. Ma ecco la cena: si diffondeva il profumo delle verdure stufate nei pentoloni anneriti dal fuoco…  Collegandosi alle batterie dei cruyser, le guide avevano creato un piccolo impianto locale: ed ecco la luce brillare sopra lo spazio colorato, allestito per mangiare. Come per reazione al silenzio precedente, rotta la diga magica al morire del sole… un fluente cicaleccio allegro si era diffuso dappertutto, ed una calda atmosfera conviviale radunava i viaggiatori attorno ai bassi tavolini imbanditi. Uno dei tanti Ahmed presenti era già indaffarato a tagliare porzioni abbondanti e succulente dall’arrosto di capretto scuro e fumante, appena estratto dal pozzo di braci. Tutti accosciati e inginocchiati alla meglio attorno al cibo, ci scambiavamo impressioni e commenti sulla giornata.

 

E siamo ritornati all’inizio del diario: finito il desinare, ecco che un suono, ritmato e ancestrale, ci attira attorno al falò poco distante dal luogo della cena: con allegra sollecitudine tutti i beduini partecipano ad una antica canzone, battendo le mani, cantando, suonando un tamburo, ballando con semplici movimenti tra i barbagli del fuoco, mentre il punto rosso di alcune sigarette brilla nel buio qua e là. Giuseppe, affascinato e stregato dalla musica, si lancia in un esibizione incredibile, seguito da Antonella e Silvana. Le ore passano senza che ce ne rendiamo conto… pian piano la stanchezza e l’emozione iniziano ormai decimare i sopravvissuti… e man mano che i gruppetti si avviano ciascuno alla sua tenda, sussurrando il saluto, rimangono soltanto poche anime, anonime nel buio della notte… le luci ormai spente… soltanto il cielo di velluto nero, lassù, a guardarci con i suoi innumerevoli occhi di luce… a stupirci con le sue sabbie di stelle, così vicine, così lontane, così numerose da sfidare l’occhio a riconoscere le costellazioni più note.

 

Fra poco i caldi sacchi a pelo stesi su morbidi tappetini, all’interno delle piccole tende auto- montanti, accoglieranno i nostri corpi assonnati per concedere loro il giusto sonno ristoratore… Fuori il vento sibila tra le jeep, e la temperatura scende vertiginosamente, come sempre nel deserto, ma saremo protetti nelle nostre piccole “incubatrici”.  All’alba ci attenderà un nuovo spettacolo sublime, degno di essere vissuto e conservato nei nostri cuori, che strapperà esclamazioni di stupore e di gioia… emozioni incontenibili, come la felicità di essere qui ed ora.

Ma, prima di chiudere gli occhi nel sonno ristoratore, usciamo ancora una volta dalle tende per stare immobili, nel freddo buio della notte del deserto. Ed è allora, una volta spente tutte le luci del campo, che ci sorprende l'imprevisto :  è incredibile!   Sembra che gli occhi e la mente non bastino, sembra che non siano capienti a sufficienza per assorbire l'impatto del cielo stellato... rimaniamo impietriti e annichiliti davanti all'infinito numero, davanti allo spettacolo sublime! il firmamento sembra abbassarsi fino a poterlo toccare... 

questa è l'unica foto che non ho scattato io... ma ho scelto di usarla per non fare torto alla meraviglia di quel cielo indimenticabile!

I punti luminosi son così affollati e brillanti che a stento si riescono a distinguere le costellazioni più note: se gli egizi li vedevano come dei, ebbene, mai fu visto un pantheon più gremito e affollato ! La meraviglia era così intensa da farci spalancare gli occhi, come se potessimo, in questo modo, assorbire più luce, nutrire il nostro spirito della loro energia...  Rivedevo, nella mente e con la suggestione dei testi delle piramidi ancora viva nel cuore, l'immagine titanica del Faraone, dio vivente, mentre sfrecciava, come spirito trasfigurato, verso le stelle circumpolari... per prendere il suo posto tra i troni divini.

Difficile dormire, dopo questa esperienza... difficile abbandonare mente e visioni per tornare nel proprio corpo, stanco e provato dalla giornata intensa... ma alla fine la stanchezza (per fortuna) ebbe il sopravvento...

EPILOGO:  Ecco l’alba è già sorta, e ben prima ancora di vedere il sole, la tenue luminosità si diffonde dappertutto… e la magia si ripete. Mentre ancora infreddoliti ci raccogliamo attorno al banchetto con il Nescafè caldo tra le mani e davanti alle merendine per la colazione, già i giganteschi funghi candidi di gesso si colorano di rosa, già le spianate luccicanti si illuminano di tonalità più calde… Il sole, morto ieri come Atum all’orizzonte, dopo il lungo viaggio nella Duat, torna a rigenerarsi: ecco Khepri, lo scarabeo alato che risorge all’orizzonte. E come in un magico rituale, tra le bianche strutture aliene del deserto, sembrano risuonare ai nostri orecchi antiche litanie, residui immaginari dei riti amarniani, quando Akhenaton con le braccia levate al cospetto del sublime disco solare, salutava la radiosa potenza del dio unico.

 

E’ già l’ora di andare… fatti i bagagli, sparite le tende e i sacchi a pelo, ci attardiamo a chiacchierare: non è casuale questa pausa… dopo l’uso notturno delle batterie, uno dei cruyser non ne vuole sapere di partire!

Così mentre lasciamo vagare gli occhi ancora assopiti sul panorama incredibile per l’ultima volta, le nostre guide si affannano per cercare una soluzione: dapprima provano a collegare le batterie degli altri mezzi con dei cavi, per fornire più potenza all’infortunato… nulla da fare ! Poi improvvisano un traino per cercare di mettere in moto ingranando la marcia durante il movimento… ma il cavo si spezza all’improvviso con uno schiocco! Tenta e ritenta, alla fine la pazienza viene premiata… i motori rombano, il sole è già alto sull’orizzonte: ci aspetta ancora un tour fra le formazioni più contorte e interessanti… poi.. via…. verso nuovi orizzonti!!!

Il “deserto nero”  e la “montagna di cristallo” ci attendono ancor prima di arrivare a Bahareya! Restano pochi minuti da dedicare a qualche foto curiosa… tutti salgono nelle jeep lanciando un ultimo sguardo malinconico verso le tracce del nostro campo: Claudia lancia un urlo e grida: “voglio restare quiiii  !!!! questo è il mio mondo !!!”
Ma la catturiamo subito, la impacchettiamo e la portiamo via con noi.

Tentativo di collegare due batterie con i cavi elettrici…

Primo tentativo di traino sfortunato…

Ultimo salto di gioia!

TUTTI SOTTO IL FUNGO !!!

Un ultimo sguardo, ci fermiamo in alcuni punti panoramici, sotto concrezioni fantasmagoriche ed inusitate, ho giusto il tempo di fare il mio solito “salto pazzo” e già siamo all’ “uscita” dal deserto: l’ultima concrezione fungoide ci attende per la foto di gruppo: ci siamo proprio tutti!

UN PO' DI NOTE TECNICHE:

Storia: il nome di Farafra appare già nei testi egizi fin dalla V dinastia: secondo quanto inciso su una statua della V Dinastia  (statua di Nht-sз.s,) sia Farafra che l’oasi di Bahareya facevano parte dell’impero egizio durante l’Antico Regno. Altri cenni sono riportati anche nel famoso testo del medio regno “l’Oasita eloquente” (papiro 3023- Museo di Berlino, Primo Periodo Intermedio). Ne “l’Oasita eloquente”  - (nomignolo che abbiamo affibbiato alla nostra cara Elena per la sua capacità oratoria…) si fa riferimento alle “verghe di Farafra”. Ma in epoca più tarda tracce del nome di questa oasi appaiono anche nel tempio di Luxor, iscrizione di epoca ramesside, e non ultimo nelle vestigia del tempio tolemaico di Edfu, in un’ incisione che riporta tutti e sette i nomi delle oasi principali di quel tempo.   
 
Il geroglifico per
Ta-ihw    Farafra era chiamata l’oasi “Trinitheos”, “Ta-iht” o “Ta-ihw”, cioè  la “Terra della Vacca”. Questo appellativo è probabilmente connesso al culto della dea Hathor a testa di vacca, notoriamente protettrice degli allevamenti.

 

il geroglifico per Ta-ihw

Geologia: L’oasi di Farafra, seconda per grandezza fra le depressioni del deserto occidentale, si estende per 90 km da E a W e per 200 km da N a S. E’contornata su tre lati da scarpate, delle quali quella orientale, alta circa 224 m, e quella occidentale si presentano così ripide da costituire delle formidabili barriere, mentre la parte meridionale dell’oasi è aperta. La superficie della depressione risulta costituita da affioramenti di calcare marnoso cretaceo (tipo chalk) della Formazione Khoman di colore bianco-neve e bianco-grigio riccamente microfossilifero, la cui erosione, legata originariamente a fattori idrici e oggi prevalentemente al vento, ha creato nel corso del tempo una serie di suggestive e multiformi figure rocciose (pinnacoli, funghi, onde di mare, ecc.). Il bianco accecante delle rocce carbonatiche erose e levigate dal vento ha ben valso a questa affascinante distesa la denominazione di “Deserto Bianco”.
 

E per quest'avventura, questo è tutto...