Nelle raffigurazioni "pubbliche" del faraone, sui piloni dei templi, ma anche sui manufatti reali, la potenza del sovrano veniva espressa ritualmente con una scena di sottomissione dei nemici.

 

La mazza è una delle prime armi che il sovrano impugnò per affermare in modo inequivocabile la sua posizione di superiorità e la sua capacità di annientare i popoli stranieri. Nella presente monografia vedremo come alla mazza dei tempi arcaici si affiancarono progressivamente altre armi di diversa natura e fattura e seguiremo la loro comparsa anche in altri contesti rituali.

 

Oltre a far parte del ricco corredo militare egizio questi manufatti continuarono a mantenere un importante valore simbolico e apotropaico nelle rappresentazioni sacre.